Figlia

Tu, figlia, che oggi mi ignori.
Tu, figlia, che oggi mi giudichi.
Tu, figlia, che gridi i miei presunti errori.
Sappi: che ti ho attesa,
voluta e amata.
Tu che oggi ti senti forte:
della tua gioventù,
della tua cultura,
della tua presunta infallibilità.
Sappi, che forse un giorno,
tuo figlio può frantumarti il cuore.


Celeste Travaino