L'EFFICACIA

Le mani e le gambe fredde diventano calde.
Riprende la corretta circolazione nelle arterie e nella viabilità delle vene.
Nell'arteriosclerosi e malattia di Burger nelle prima settimane, si può notare un discreto gonfiore delle gambe, dovuto alla distensione di tutti vasi sanguigni. In quel periodo occorre portare le solette facendo degli intervalli.
Retrocessione dei dolori alle gambe.
Le varici piccole scompaiono e quelle piccoli si riducono.
Scompare la tromboflebite e flebite.
Guariscono le ferite dovute a varici e ulcere.
Scompaiono i dolori radicolari alla colonna vertebrale.
Si regola la tensione arteriale.
Scompaiono i dolori al cuore dovuti alla circolazione, anche dopo gli infarti.
Retrocede la paralisi dovuta all'embolia e all'ictus cerebrale.
Il fumo diventa sgradevole.
Scompare la diuresostesia notturna.
Retrocede il prostatismo.
Riprende il funzionamento dei reni.
Retrocedono le infiammazioni dell'apparato genitale.
Si regola la defecazione.
Nell'ipotesi di cattivo funzionamento del fegato, si producono nei primi giorni gas sgradevoli e cattivo odore alle gambe. Entrambe le reazioni scompaiono nel momento in cui il buon funzionamento viene ripristinato.
Entro qualche giorno scompare il colore giallastro caratteristico dell'ittero.
Si regola il livello dello zucchero.
Riprende la funzione del pancreas.
Si regola il colesterolo.
Retrocedono le malattie gastrointestinali.
Si regola il metabolismo.
Si rinforzano i bulbi dei capelli.
La disfunzione del senso dell'equilibrio (labirinto) retrocede entro circa sette giorni.
Si calma il sistema nervoso.
Si elimina il mal di testa, anche quello esistente da parecchi anni.
Si eliminano diverse allergie.
Le ferite si cicatrizzano facilmente.
I seni frontali si autopuliscono.
Migliora la circolazione nelle cellule cerebrali.
La febbre passa prima. Le solette si consigliano alle donne in stato di gravidanza, perché la migliore circolazione sanguigna favorisce l'afflusso di sangue al feto.
Le condizioni di salute migliorano dopo tre-dieci giorni dall'inizio dell'uso delle solette. Subito dopo, in determinati posti si verifica un aumento del dolore per circa quattro giorni. Il dolore sparisce poi gradualmente. Passati ancora dieci giorni i dolori riprendono. Tali riprese si ripetono circa quattro volte, ma il dolore diminuisce sempre più, per poi sparire del tutto, insieme ai sintomi delle malattie.
E' difficile elencare tutti i casi positivi rilevati in gruppi di persone sottoposte ai test: se ne dovrebbero elencare all'infinito. Al contrario non si è verificato neppure un effetto negativo.
Il tempo di recessione delle malattie dipende dalla sistematicità dell'applicazione delle solette e dal grado di avanzamento della malattia. Se si vuole portare le solette nelle pantofole, si consiglia di metterle prima nelle scarpe, per evitare che le differenza di temperatura porti al raffreddamento.
Si consiglia di camminare nelle solette tutto il giorno. Se le solette vengono usate meno ore, il tempo di riconvalescenza diventa più lungo.